pipe Moretti i 50anni dimenticati

Loading the player...

Recanati: cinquant’anni di attività per la bottega artigianale Moretti Pipe

guarda il video

E’ proprio vero il detto “Nessuno è profeta in patria”, basta pensare ad una delle eccellenze recanatesi, una bottega artigianale che ha tutto il sapore delle cose fatte a mano con passione. Parliamo di  Moretti Pipe, in via dell’olmo a Recanati, su quella piazzetta dove un giovane Giacomo Leopardi tanto tempo sentiva risuonare le risate allegre dei bambini che giocavano in piazzetta. Una bottega creta nel 1968 dal mastro pipaio Igino Moretti che con estro e manualità sapeva ricavare da un pezzo di legno una pipa unica. Nessun premio né riconoscimento né attestato di benemerenza per i 50 anni di attività di questa bottega conosciuta in tutto il mondo. Pipe col marchio Moretti erano nella collezione dell’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini, sono state fumate dall’ex ministro Flik, sono a New York, Singapore, Taiwan e qualcuno oggi scrive on line una recensione come questa: “Acquistare una pipa Moretti è come acquistare un’opera d’arte! Ho diverse pipe, di diversi produttori, e le Moretti sono decisamente tra le più buone, soprattutto fumano in maniera eccellente!” Oggi in bottega ci sono Marco e Luca Biagini, rispettivamente genero e nipote di Igino Moretti. “Io già maneggiavo un po’ il legno, racconta Marco, e decisi di lasciare il mio lavoro e di dedicarmi alla realizzazione di pipe grazie a mio suocero, mastro pipaio che pazientemente mi insegnò tutto. Ma, per carità, tutt’ora c’è da imparare e non si finisce mai”. La bottega è veramente bella da vedere: “quando arriva una scolaresca in visita a casa Leopardi e scopre il mio locale, i ragazzi rimangono veramente sbalorditi a vedere come da un pezzo di legno si ricavi, nel giro di 3 o quattro ore, una pipa unica nel suo genere.” Come un moderno mastro Geppetto, Marco prima pulisce il legno per vederne la venatura “perché è questa che fa il pregio della pipa e poi cerco di disegnare quello che ho in mente ma spesso è la radica stessa che fa il modello. Infatti, una volta che iniziamo a lavorare il legno escono dei difetti che io cerco di eliminare e così nasce un modello completamente diverso da quello che avevo in testa”. Fumare la pipa oggi è ancora una scelta di nicchia perché richiede più tempo e tranquillità, fumarla diventa un rito ma gli affari non vanno male perché il prodotto offerto è di estrema qualità: “i nostri clienti, privati e imprese, sono in tutto il mondo. Ci cercano tramite internet e ormai ci conoscono. Certo ci sono anche i turisti che arrivano attratti da Leopardi ma chi entra in bottega è generalmente spinto solo da curiosità. Un tempo si faceva affari anche con loro ma oggi tutto è cambiato e chi viaggi generalmente lo fa con meno soldi e si concede meno”.

(Visited 4 times, 1 visits today)

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *