Fabio Lucentini responsabile marchigiano del CCDU, Il caso Bibbiano

Loading the player...

Fabio Lucentini responsabile marchigiano del CCDU, Il caso Bibbiano

Il primo agosto davanti al Tribunale di Minorenni di Ancona si è tenuto un sit-in a favore dei bambini allontanati con lo slogan “Non è solo Bibbiano”. Hanno partecipato politici locali, genitori vittime della filiera psichiatrica e alcuni esponenti del Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU) il cui responsabile locale Fabio Lucentini ha affermato:

“Chiediamo al Presidente Luca Ceriscioli di monitorare il problema degli appalti che coinvolgono i minori. Come più volte segnalato dalla Professoressa Vincenza Palmieri di Roma, secondo la Legge 328/2000 i Servizi Territoriali che si occupano di bambini possono essere dati in appalto a cooperative private. In queste cooperative possono infiltrarsi persone disoneste che lucrano sui bambini allontanati. D’altro canto queste cooperative potrebbero costituire un potenziale bacino di voti per il politico locale di riferimento che ha fatto vincere loro l’appalto. Inoltre,” continua Lucentini, “succede che alcune valutazioni soggettive e opinabili di matrice psichiatrica redatte persino da insegnanti, assistenti sociali, educatori, e altri operatori, si cristallizzino in un decreto di allontanamento autoritativo, senza verifiche sull’attuale congruità dei fatti.”

:

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani

(Visited 2 times, 1 visits today)

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *