con la tele medicina possiamo ridurre i contagi

Loading the player...

Come ex allievi del prof Carlo De Martinis ex Clinico Medico
dell’Università di Ancona (De Martinis Telemedicine Panel-Dematepa)
abbiamo volontariamente iniziato una attività di tele video consulenza
medica in appoggio ai MMG (medici di medicina generale) che ce lo
richiedevano e a supporto di cittadini che, indipendentemente dai MMG,
si rivolgevano a noi perché a causa del decreto Conte dovevano restare
in casa #iostoacasa.
L’attività iniziata il 10 marzo 2020 mira a seguire da casa i malati di
coronavirus e altre patologie valutabili in televideoconsulto.
Dopo una settimana siamo in grado di dare i primi risultati di quanto è accaduto.

Problema coronavirus. Seguite 18 famiglie al proprio domicilio. Si
tratta di pazienti con febbre e tosse, nessuno ha effettuato un tampone
diagnostico perché è praticamente impossibile farlo al proprio
domicilio. Spesso a chi telefona viene promessa l’esecuzione. Mai però è
stata mantenuta la promessa. Quindi abbiamo posto diagnosi di infezione
da COVID con un criterio epidemiologico. In corso di epidemia o
pandemia, in presenza di sintomi, la diagnosi più probabile è quella di
infezione da virus causa dell’epidemia.
Ebbene nei nostri casi in famiglia il coronavirus arriva sempre da un
paziente iniziale che in tre casi era un operatore sanitario che lavora
in ospedale. L’infezione si diffonde, in uno due giorni massimo, ai
conviventi. Isolando al proprio domicilio i malati e seguendoli con una
sola chiamata giornaliera; al massimo due volte al giorno, solo in un
caso abbiamo avuto un peggioramento del distress respiratorio che ha
richiesto ossigeno terapia e cortisone. Ricetta compilata dal proprio
medico curante non disponendo noi del ricettario regionale.
Sottolineiamo qui l’impellente necessità di rendere completamente e
stabilmente operativa la ricettazione elettronica. Alcuni dei nostri 56
pazienti totali sono migliorati pochi erano già afebbrili ma sono sempre
in quarantena domiciliare e lo rimarranno per almeno un totale di 21
giorni.
Interessante il caso di una di queste famiglie. La paziente 1 è una
operatrice sanitaria che lavora in ospedale e contagia velocemente
marito e padre con lei conviventi. Marito e OSS vanno in ospedale dove
fanno una radiografia del torace (positiva per polmonite interstiziale)
ed un tampone e vengono ricoverati. Il padre che rimane in casa e non
vuole andare in ospedale è seguito da noi e sta bene. La febbre è
cessata.
Anche i due conviventi ricoverati stanno bene e avrebbero potuto essere
seguiti al proprio domicilio. Quali sono le nostre conclusioni. La
polmonite da coronavirus è presente in tutti quelli che hanno febbre in
crescendo e tosse che precede la febbre. Il 90% di queste persone può
essere seguita al proprio domicilio e non necessita di ricovero. Va
assistita in televideo consulto altrimenti si ammalano i medici di
famiglia (la città di Bergamo insegna). Una importante fonte di
contagio, forse la maggiore, sono gli ospedali. Il virus ha una
altissima contagiosità ma una bassa evolutività clinica sfavorevole.
Si può essere seguiti da casa e l’assistenza domiciliare a distanza
sarebbe la migliore e ridurrebbe la contagiosità sul territorio. I Covid
Hospital in un sistema evoluto di medicina del territorio con equipe di
teleconsulto sono in larga parte inutili se non pericolosi. Il nostro
sistema purtroppo per scellerate scelte politiche non è un sistema
sanitario evoluto in senso di assistenza territoriale

Problema non coronavirus. Sono solo tre casi che hanno richiesto consigli o ci hanno mostrato esami del sangue già eseguiti, evitando così di andare nelle sale di attesa dei medici. Anche in questo caso il televideo consulto è un utile mezzo per evitare di fare uscire di casa i cittadini e ridurre i rischi di contagio.

(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Asterio Tubaldi Asterio Tubaldi, giornalista e pubblicista dal 1985, è direttore di Radioerre Recanati e collaborato con diverse testate giornalistiche tra cui Corriere Adriatico, Il Messaggero e Il Resto del Carlino.

You might be interested in

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.